Tu sei qui

Pensiero unico: se in Italia esprimi il TUO pensiero rischi il carcere

Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2017

CensuraFacciamo brevemente il punto della situazione.

L'8 marzo 2015 avevo pubblicato l'articolo "Libertà di informazione e di espressione del pensiero? Se apri un blog rischi la galera... in Italia", che descrive il caos legislativo contradditorio che di fatto censura la libertà di parola sul web in Italia.

Circa un mese fa, l'Italia ha chiesto all'Europa di istituire un ente indipendente dai governi pronto a bloccare qualunque contenuto non autorizzato presente in Rete e a sanzionarne gli autori. Si tratterebbe di una sorta di Ministero della Verità, che deciderebbe per tutti che cosa è vero e che cosa è falso, come ho documentato nell'articolo "L’Italia chiede all’Europa di abolire la libertà di espressione", del 5 gennaio 2017.

Una visione a livello globale di questa voglia di uccidere la libertà di pensiero e di espressione in Rete ci può essere fornita dal video che ho inserito in "Autocensura, manipolazione in Rete e cyberguerra, grazie all'Intelligenza Artificiale".

CensuraPiù passa il tempo e più i governi sono intenti a censurare informazioni di pubblico interesse e ad aumentare le richieste al settore privato di rimuovere contenuti ritenuti offensivi, come documentato in "Censura, sorveglianza, violazione dei diritti: web sempre meno libero, anche nei paesi democratici".

A livello mondiale c'è una gran voglia di tappare la bocca a tutti, permettendo la circolazione di notizie esclusivamente a sostegno del potere vigente (o al massimo relative a questioni che non lo vanno a intaccare). Anche i giornalisti professionisti non se la passano bene: le agenzie di intelligence (servizi segreti), che scrivono interi articoli e poi obbligano la stampa a diffonderli, decidono cosa va stampato e cosa no. A tal proposito, nel 2014 pubblicai la confessione di un giornalista in "La disinformazione di massa, asservita alla guerra e ai poteri alti". In tutto il mondo la libertà di stampa è in consistente e preoccupante declino e l'Italia si trova al 77° posto. Nel 2015 "La Repubblica" ha denunciato che tra 30 e 50 giornalisti sono sotto protezione perché sono stati minacciati. Il livello di violenza contro i giornalisti (incluse violenze verbali, intimidazioni fisiche e minacce di morte) è allarmante (fonte "Libertà di stampa, Italia peggio della Moldova. Troppe minacce e processi ai giornalisti").

CensuraIn questo drammatico quadro, oramai ci stiamo avviando verso l'istituzione del pensiero unico dell'informazione. Poiché la rete Internet si è permessa, grazie alla sua natura multiculturale e pluralista, di mettere in discussione le verità assolute dei mainstream dell'informazione, i governi stanno facendo ogni tentativo per mettere il bavaglio a chi si discosta dalla verità ufficiale utilizzando lo strumento della Rete (come il presente blog). E' una specie di vendetta dopo che i media controllati dal potere non riescono più a condizionare completamente le opinioni delle persone. Proprio in questi giorni è stato presentato al Senato il Disegno di Legge "Disposizioni per prevenire la manipolazione dell’informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l’alfabetizzazione mediatica", che di fatto prevede multe salate e il carcere per i blogger che osano discostarsi dalla "verità ufficiale". (fonti: "Fake news, presentato ddl al Senato: “Multe fino a 5mila euro”. E Mosca pubblica online le “false notizie” dei media stranieri" e "Solo il MoVimento difende la libertà d'espressione in Rete #NoLeggeGambaro")

Ecco, questa è la situazione. Le notizie false in tv e sui giornali continueranno a circolare liberamente, mentre chiunque osi dire il contrario è a rischio. In ballo ci sono il presente e il futuro della libertà d’espressione, oltre che la costante manipolazione dell'opinione pubblica, con tutti i danni che ne conseguono. Io penso che assecondare il pensiero unico non porterà a nulla di buono. Vorrei ricordare a tutti questo ammonimento di Daisaku Ikeda: «Non vi può essere vera democrazia a meno che i cittadini di un paese comprendano che essi sono i sovrani e i protagonisti principali, agendo di conseguenza con saggezza e profonda consapevolezza. La democrazia non adempirà la sua missione a meno che gli individui si alzino con maggiore informazione e coinvolgimento e, uniti, lottino in favore della giustizia, controllando le attività dei potenti.» (tratto da "Giorno per giorno", Esperia Edizioni)

Buona lotta per la libertà e per un mondo migliore.

Francesco Galgani,
19 febbraio 2017

 

Classificazione: